Giovedì dopo le Ceneri

Giovedì dopo le Ceneri

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».
Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso?» (Lc 9, 22-25).

A Gesù preme la salvezza della nostra anima affinché meritiamo quel posto che Lui ci ha preparato nei Cieli e beati godiamo della Vita eterna nella Sua Pace, nella Sua Gioia, nella Sua Verità e Gloria. Gesù ci sceglie prima ancora che scegliamo Lui. Lui ci forma, ci forgia quale Buon Pastore e Maestro del cammino di perfezione cristiana ovvero del cammino di santità. “Siate santi, – ci insegna – perché Io sono Santo”. Impariamo a portare e amare la Croce esercitando la Pazienza (per restare nell’unità di Dolore-Perdono-Amore, mai sciupando i patimenti con la rabbia o altro sadismo di Satana).
Questo ci permetterà di ricevere in dono la Grazia dell abbattimento del peccato e quella del raggiungimento della Virtù provata. Mantenendoci miti, umili e puri come Lui, chiedendo a Lui i Suoi sentimenti e il motivo delle nostre sofferenze avremo maggior umiltà e consapevolezza di noi e della Bellezza del Cristo Crocifisso e Risorto, saremo sempre piu liberi dal peccato e voleremo grati verso Lui, con Lui, per Lui e in Lui. Patendo con Lui, mettendo le nostre sofferenze ai piedi della Sua Croce, offrendo a Lui la nostra Croce scopriremo come Lui porta la Croce essenzialmente per noi e pertanto quanto il Suo giogo è dolce. Come i bimbi confidiamo in Lui e chiediamoGli ogni cosa, (dallo schermo al dolore fisico all’allontanamento dei nemici della nostra anima pur pregando sempre per la loro salvezza) perseveriamo nel Bene e nel Cammino chiedendo costantemente aumento di Fede. Man mano ci libereremo di ogni attaccamento, nemo propheta in patria sua. Abbandoneremo famiglia, amici, paese e cose incerti di noi ma SICURI di Lui. Abbandoneremo anche le priorità secondo le logiche illusorie del mondo e penseremo sentiremo agiremo secondo Lui. Non esiste Croce senza Resurrezione grazie all esempio di Cristo, con Lui non esiste spina senza rosa. Lode Onore e Gloria a Te, Signore. Amen.
Barbara Cirillo

Data

Feb 27 2020

Ora

Tutti del giorno
Categoria